Ateneo | Trasparenza | Eventi | Bandi e concorsi | Bacheca | Orientamento | Links utili | Search

        

DIRITTO AMMINISTRATIVO
Prof. Mariano Protto


Crediti formativi (4+2 CFU)

Obiettivi formativi
Il corso intende fornire un quadro completo degli istituiti positivi di applicazione generale a tutti i rapporti posti in essere dalle pubbliche amministrazioni (attività amministrativa), nonché all'organizzazione di questi medesimi soggetti (organizzazione amministrativa).

Contenuto del corso
Si affronterà la disciplina generale del procedimento e quella del provvedimento e dei suoi effetti, con qualche accenno alle discipline di specie, proprie delle singole figure procedimentali, che a loro volta si esprimono in differenti figure di provvedimenti caratterizzate da differenti effetti (es. espropriazione, concessione etc..). Particolare attenzione sarà rivolta alla configurazione dell'amministrazione, e all'azione amministrativa, ponendo in evidenza il sempre più frequente utilizzo da parte delle singole amministrazioni di strumenti giuridici di diritto comune. L'azione amministrativa, pur ancora fondamentalmente retta da norme di diritto pubblico e in larga misura soggetta al sindacato del giudice amministrativo, ha subito in questi ultimi anni cambiamenti così radicali da portare taluni a parlare di un diritto amministrativo paritario. Su questo versante, si affronterà la recente decisione della Suprema Corte (n. 500/1999) sulla risarcibilità degli interessi legittimi, nonché il progressivo ampliamento del novero delle materie affidate alla giurisdizione esclusiva del giudice amministrativo. In quanto parte integrante del regime giuridico dell'invalidità amministrativa, si studieranno altresì i principi del sistema di tutela.

Prerequisiti
Costituisce condizione per essere ammessi a sostenere l'esame di diritto amministrativo il superamento dell'esame di "Istituzioni di diritto pubblico" (1° anno - 2° semestre)

Materiale didattico
Si richiede la conoscenza del seguente libro di testo:
E. CASETTA Manuale di diritto amministrativo, Giuffrè, 2000.

Modalità didattiche
l corso prevede lezioni introduttive volte a fornire agli studenti un quadro generale del diritto amministrativo sostanziale e un seminario consistente in lezioni a carattere strettamente processualistico seguite da vere e proprie simulazioni di ricorso avanti al tribunale amministrativo regionale dove di volta in volta gli studenti, che fuori dall'orario di lezione, avvalendosi della biblioteca della facoltà, avranno predisposto ricorsi e contro-ricorsi, esporranno, quali ricorrenti o parte resistente o controinteressati, i motivi di fatto e di diritto fondanti la pretesa fatta valere in "giudizio" .
Il seminario, così strutturato, intende fornire allo studente un approccio al diritto più pratico non limitato alla mera acquisizione mnemonica di norme di legge e precedenti giurisprudenziali come esemplificati dalla dottrina.

Modalità d'esame
L'esame consisterà nella valutazione degli atti introduttivi del giudizio, in quanto la predisposizione di un buon ricorso o contro-ricorso presuppongono una buona conoscenza sia del diritto amministrativo sostanziale che processuale oltre che abilità nell'utilizzo del materiale legislativo, giurisprudenziale e dottrinale fornito dalla biblioteca.


Università degli Studi del Piemonte Orientale
-credits-