Ateneo | Trasparenza | Eventi | Bandi e concorsi | Bacheca | Orientamento | Links utili | Search

        

 

STORIA DEL DIRITTO
Pierfrancesco Arces (Ricercatore)
Federico Alessandro Goria (Ricercatore)
Novara

Codice Insegnamento (E0319 – E0320)
SSD insegnamento IUS/18-IUS/19

96 ore, 12 CFU

Il corso si articolerà in due moduli, Storia del diritto antico (dalla fondazione di Roma a Giustiniano) e Storia del diritto moderno (dalla caduta dell’Impero d’Occidente fino al periodo fascista).

 

PRIMO MODULO – STORIA DEL DIRITTO ANTICO
Pierfrancesco Arces
Ricercatore non confermato
Novara

Codice Insegnamento E0319
SSD insegnamento IUS/18

48 ore, 6 CFU

Obbiettivi formativi

Il modulo di Storia del diritto antico si dividerà in due parti.
La prima  tratterà la storia e l’evoluzione del diritto pubblico romano, dalle origini a Giustiniano, con particolare attenzione alla formazione e all’evoluzione delle strutture costituzionali della civitas, alla produzione del diritto e alla repressione criminale. La seconda avrà ad oggetto gli istituti del diritto privato romano.

Prima Parte – (Parte generale)
L’età delle origini: nascita di Roma. La città e i re
La monarchia etrusca nella tradizione romana
La riforma serviana
Caduta della monarchia e avvento della Repubblica
Il primo ius, il sapere dei pontefici, il paradigma del responsum
Ipotesi di prime leggi scritte
L’età della Repubblica: la costituzione della repubblica romana
Le origini del consolato
L'emergere del conflitto tra patrizi e plebei
Le XII Tavole: dal decemvirato legislativo al compromesso patrizio-plebeo, la 'rivincita pontificale'
La struttura della res publica: le magistrature repubblicane, le assemblee popolari, il senato repubblicano L'eclissi dei pontefici
Popolo e leggi, pretori ed editti
Le forme dell'organizzazione del dominio romano in Italia e nel Mediterraneo
La 'rivoluzione scientifica'
La crisi della costituzione repubblicana: dalla guerra sociale a Silla, Pompeo e Cesare
L’età del Principato: Ottaviano e l'evoluzione del suo potere
Ius publice respondendi, le principali caratteristiche della giurisprudenza del principato
Le scuole dei Sabiniani e dei Proculiani
Le vicende del potere imperiale dalla fine di Augusto a quella dei Giulio-Claudii
Dall'avvento dei Flavi alla scomparsa di Adriano
Dall'età degli Antonini a quella dei Severi 
La giurisprudenza dell'età dei Severi
Il diritto prodotto dai comizi, dal senato, dai magistrati e dal principe, i consilia principum, L'amministrazione dell'Italia e delle province, le finanze imperiali
Dal principato alla monarchia assoluta
L’età Tardoantica: fine della dinastia dei Severi e frantumazione dell'impero
Il cristianesimo ellenizzato, Diocleziano, Costantino, da Valentiniano a Teodosio I
L'impero d'Oriente tra V e VI secolo
L'età di Giustiniano
La repressione criminale

Seconda Parte – (Parte speciale)

Linee di diritto privato romano: processo, persone, famiglia e successioni, diritti reali, obbligazioni

Prerequisiti

Nessuno

Materiale didattico

Parte generale:

T. MASIELLO, Storia del diritto romano, Cacucci, Bari, 2007
Parte speciale:

U. MANTHE, Storia del diritto privato romano, il Mulino, Bologna, 2010: quest’ultimo volume può essere sostituito da R. MARTINI, Appunti di diritto privato romano, CEDAM, Padova, II edizione, 2007.
Approfondimenti facoltativi:
Gli studenti che volessero ulteriormente approfondire aspetti della storia del diritto pubblico romano potranno consultare L. CAPOGROSSI COLOGNESI, Storia di Roma tra diritto e potere, il Mulino, Bologna, 2009. L’approfondimento delle tematiche connesse alla definizione celsina del diritto e al suo confronto con le moderne concezioni del fenomeno giuridico potrà essere svolto consultando F. GALLO, Celso e Kelsen, Giappichelli, Torino, 2010.



Modalità didattiche

Lezioni

Modalità d’esame

Esame orale

Orario di ricevimento
Venerdì 13-14 per la durata del corso, nei giorni di lezione relativi al modulo; in seguito su appuntamento (e-mail: pierfrancesco.arces@unipmn.it).

 

SECONDO MODULO – STORIA DEL DIRITTO MODERNO
Federico Alessandro Goria

Ricercatore a tempo determinato
Novara

Codice Insegnamento E0320
SSD insegnamento IUS/19

48 ore, 6 CFU

Obbiettivi formativi

Il corso si dividerà in due parti.
La prima, volta a illustrare lo sviluppo del diritto moderno europeo e la nascita dell’attuale bipartizione fra il sistema continentale a stampo codicistico (civil law) e il sistema giurisprudenziale anglosassone (common law), fornirà una panoramica delle problematiche determinatesi con l’innestarsi dei sistemi consuetudinari di origine germanica nel ceppo del diritto romano, per poi analizzare la rinascita del diritto come scienza autonoma, avvenuta nell’XI secolo ad opera dei giuristi bolognesi, e la formazione del sistema di diritto comune, che tra il basso medioevo e l’età moderna contribuì alla creazione di un diritto europeo uniforme. Proseguirà poi con l’illustrazione della cesura determinata dall’assolutismo, che pose la legge del principe come fonte principale del diritto nello Stato e che giunse, sul continente e sulla scia dei principi dell’Illuminismo e della Rivoluzione francese, alla creazione del sistema codicistico ancora oggi vigente. Parallelamente si analizzerà invece lo sviluppo del sistema inglese e la conservazione della case law, che venne poi trasmessa anche al diritto statunitense.
La seconda parte affronterà, più nello specifico, le tematiche del diritto commerciale, analizzandone l’evoluzione dalla figura del mercante a quella dell’imprenditore, come definito dall’art. 2082 c.c., ed approfondendo lo sviluppo della disciplina relativa al fallimento, alla costituzione di società commerciali e alle problematiche del prestito ad interesse, in particolare in relazione al divieto di usura previsto dal diritto canonico.

Contenuti del corso - Parte generale

Introduzione alla storia del diritto e all’evoluzione degli istituti nel tempo
Crisi dell’Impero romano, rapporti con il fenomeno cristiano
Legislazione romano-barbarica
Consuetudini delle popolazioni germaniche
Italia e popolazioni barbariche: Ostrogoti (Editto di Teodorico e organizzazione pubblica)
La compilazione di Giustiano in oriente e la sua estensione all’Italia
Italia e popolazioni barbariche: Longobardi (editti dei sovrani, diritto penale e matrimoniale, organizzazione del regno)
Sorgere della monarchia papale e rapporti con il regno franco
Nascita del Sacro Romano Impero
Feudo (nascita ed evoluzione dell’istituto)
Lotta per le investiture
Nascita dell’Università
Scuola dei Glossatori e formazione delle prime raccolte di diritto canonico
Evoluzione del fenomeno comunale, rapporti con l’Impero, teorie sulle potestà statutarie
Scuola dei Commentatori
Rapporti fra diritto comune e diritti nazionali (Francia, Paesi Bassi, Spagna e Germania)
Nascita e sviluppo della common law inglese
Consiliatori
Nascita ed evoluzione dei Grandi Tribunali
Umanesimo giuridico
Sviluppo dell’assolutismo (Francia, Stati sabaudi)
Ordonnances di Luigi XIV
Ordonnances di Luigi XV e successive consolidazioni
Giusnaturalismo (Grozio, Hobbes, Locke, Pufendorf, Leibniz)
La scuola francese: Domat e Pothier
Il pensiero illuminista: Montesquieu e Rousseau
La rivoluzione francese e le prime costituzioni
Età napoleonica: costituzione del 1799 e delle repubbliche Cispadana e Cisalpina
Allgemeine Landrecht prussiano del 1794
Codice civile francese del 1804
Opposizioni alla codificazione: la Scuola storica di von Savigny
La Restaurazione in Italia
La politica di Carlo Alberto: codici e Statuto
Legislazione preunitaria
Legislazione del Regno d’Italia
Il fenomeno fascista e il diritto

Parte speciale

Il mercante medioevale: organizzazione dell’impresa
Il fallimento
I contratti mercantili
Il prestito a interesse e il problema dell’usura

Prerequisiti

Nessuno

Materiale didattico

Parte generale:

G. S. PENE VIDARI, Elementi di storia del diritto medioevale e moderno, Giappichelli, Torino 2009.
A. MARONGIU, Storia del diritto italiano. Ordinamento ed istituti di governo. Estratto delle parti terza e quarta, Milano 1993.

Parte speciale:

U. SANTARELLI, Mercanti e società tra mercanti, Giappichelli, Torino 1998.

Modalità didattiche

Lezioni

Modalità d’esame

Esame orale

Orario di ricevimento

Mercoledì 10.15-11.15 per la durata del modulo; in seguito su appuntamento (e-mail: federico.goria@eco.unipmn.it).

 



 


Università degli Studi del Piemonte Orientale
-credits-